Giornata internazionale degli infermieri

By: Jolie Wiener

maggio 12, 2020

L'Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato il 2020 Anno internazionale dell'infermiera e dell'ostetrica e per una buona ragione. Se c'è mai stato un momento ideale per festeggiare infermieri e altri operatori sanitari, deve essere adesso.

Florence Nightingale: Inspired International Nurses Day il 12 maggio 1965 Il 12 maggio è diventata la Giornata internazionale degli infermieri per onorare il compleanno della moderna pioniera infermieristica Florence Nightingale. Segna anche la fine della Settimana nazionale degli infermieri (6-12 maggio). Soprannominata l'usignolo "Lady With The Lamp", veniva spesso vista camminare per i corridoi degli ospedali con una lampada che controllava i suoi pazienti. Parlava inglese, francese, tedesco e italiano, cosa che ha aiutato il suo servizio durante la guerra. Nightingale era ben noto per aver messo insieme una squadra infermieristica volontaria per aiutare a curare i feriti durante la guerra di Crimea e ricordato per aver scritto lettere a nome dei soldati morti alle loro famiglie e ai loro cari se morivano. La prima Giornata internazionale degli infermieri è stata celebrata nel 1965, e in questi periodi in particolare, la festa storica ha assunto ancora più importanza.

L'impatto del COVID-19 su infermieri e operatori sanitari

La Croce Rossa internazionale e il Consiglio internazionale degli infermieri stanno lavorando insieme per sensibilizzare il 12 maggio, Giornata internazionale degli infermieri, per celebrare gli infermieri e gli operatori sanitari in tutto il mondo. Quest'anno uno degli obiettivi principali è mostrare gratitudine a coloro che trattano pazienti con COVID-19. Gli infermieri di emergenza e gli operatori sanitari subiscono stress ogni giorno in circostanze normali. Gestiscono pazienti critici, sale d'attesa affollate, tempo limitato e pressione illimitata. La maggior parte di noi può solo immaginare come l'aggiunta di un virus precedentemente sconosciuto al mix debba aggiungere a quello stress. Anche prima del COVID-19, uno dei maggiori problemi di salute pubblica che colpiscono gli infermieri e gli operatori sanitari negli Stati Uniti è il diabete. L'aumento del trattamento del diabete è ai massimi livelli e richiede più assistenza che mai.

Le persone con diabete e obesità dovrebbero essere preoccupate per COVID-19? Sfortunatamente, il diabete è un fattore di rischio nella gravità del COVID-19. Come accennato in precedenza, il diabete è oggi una delle malattie a più rapida crescita negli Stati Uniti e in tutto il mondo. La maggior parte dei diabetici ha una risposta immunitaria ridotta alle infezioni a causa di citochine iperattive e cambiamenti nelle risposte immunitarie, inclusa l'attivazione dei linfociti T e dei macrofagi. Maggiori informazioni sul sistema immunitario e sul tipo 2 Qui. Coloro che sono anche obesi è un fattore di rischio per l'infezione. Secondo il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie, Il 42% degli americani è ora considerato obeso. Il peso extra può mettere a dura prova il sistema immunitario e causare affaticamento. Al fine di aiutare con la prevenzione di COVID-19, si raccomanda quanto segue per rafforzare il sistema immunitario e la salute del corpo:

  • Controllo del peso
  • Abitudini alimentari sane
  • Vitamina C
  • Praticare una buona igiene
  • Esercizio
  • Sonno adeguato
  • Gestione dello stress
Oggi è certamente un giorno per riconoscere ed essere grati a coloro che trascorrono ore in ospedali e strutture mediche per aiutare la salute pubblica. Per le migliaia di americani là fuori alle prese con il diabete, l'obesità o altre condizioni preesistenti, si spera che ora possa essere il momento di diventare istruiti e trasformare veramente la salute ringraziando coloro che proteggono la salute di noi stessi e delle nostre famiglie.

Il CuraLife
Newsletter

Ottieni uno sconto del 5% sul tuo prossimo ordine quando ti registri oggi per gli ultimi consigli, ricerche e offerte esclusive

Grazie per l'adesione!

Sono d'accordo con CuraLife Condizioni d'uso e politica sulla riservatezza e desideri ricevere la newsletter