Buon Giorno del Padre dalla squadra di CuraLife!

By: Sara Barulli

giugno 21, 2020

Oggi è per tutti i papà là fuori - Buona festa del papà! Per celebrare la festa del papà, condividiamo alcune stimolanti "storie paterne" dei membri del team di CuraLife. CuraLife è stata fondata per amore di un padre, ma sapevi che un certo numero di dipendenti di CuraLife sono padri su CuraLin o hanno padri su CuraLin?

Jolie (Community team) e il suo chef papà

Mio padre è stato recentemente diagnosticato come prediabetico. Il nostro amore per il cibo è stato preminente sin dalla mia nascita, essendo entrambi i miei genitori chef. Come forse saprai, è davvero un crimine non provare tutto ciò che fai! La notizia che mio padre era prediabetico era scioccante, ma comprensibile allo stesso tempo. I duri colloqui dovevano iniziare e dovevano iniziare prima che il suo diabete progredisse ulteriormente. Abbiamo discusso a fondo di scelte salutari e cambiamenti nello stile di vita e ha rapidamente adattato la sua dieta e il suo stile di vita. Anche mio padre ha iniziato a prendere CuraLin una settimana dopo la diagnosi, ha iniziato a fare esercizio ogni giorno e ha provato solo il suo cibo sano! Ama il suo viaggio, ed è qualcosa che entrambi manteniamo e di cui parliamo insieme su base settimanale. Ci siamo resi conto che c'era un lato positivo in questa diagnosi. C'era la possibilità di trasformare la sua salute nella migliore che sia stata da anni, e lo è sicuramente! Possiamo rimanere forti insieme attraverso questo. Lo abbiamo fatto e lo faremo. Abbiamo imparato il modo giusto per mangiare, per gestire la salute, quando mangiare determinati cibi e quando fare una pausa. Amo lavorare per un'azienda che sostiene la salute di mio padre e di tanti altri diabetici. È la parte migliore del mio lavoro e ne saremo per sempre grati! Oggi è per te papà, per la tua salute e per il tuo mantenimento con il diabete. Buona festa del papà papà!

Haviv (team di produzione), un padre dedicato e premuroso

Ho scoperto di avere il diabete per caso. Hai letto bene. Ho scoperto un brutto caso di diabete di tipo 2 solo per caso, e per fortuna l'ho fatto. Ricordo che avevo costantemente sete. Ogni ora bevevo circa un litro e mezzo d'acqua e niente aiutava. Facevo questo ciclo di acqua potabile e correvo in bagno tutto il giorno. Un giorno, dopo settimane di notti insonni, andai dal dottore e chiesi dei sonniferi. Ho spiegato perché avevo bisogno dei sonniferi. Perché avevo tanta sete e sono andato in bagno tutta la notte. Immediatamente, il mio medico è tornato con un esame del sangue e ha controllato i miei livelli di glucosio. Nel giro di 10 minuti avevo ricevuto i miei risultati. Erano così in alto che ero immediatamente in ambulanza diretto all'ospedale. 20 minuti dopo, ho iniziato la mia prima dose di insulina. La parte più spaventosa? Ho scoperto di aver convissuto con il diabete di tipo 2 per circa 3-4 anni senza alcuna idea. Sapevo che avrei potuto mangiare in modo più sano, ma non avrei mai potuto immaginare che sarebbe stato così male. Per 12 anni ho assunto la quantità massima di insulina e pillole. Ho dovuto fare un cambiamento ed essere un'influenza per le mie figlie. Non volevo che mi vedessero sotto così tanti farmaci tutto il tempo. Volevo vedere i miei figli crescere fino a diventare i bellissimi esseri umani che sono.

Maria (Community team) e il suo stressato papà

Quando ero adolescente, a mio padre fu diagnosticato il diabete di tipo 2. Entrambi i suoi genitori erano appena morti e lo stress del suo nuovo lavoro era insopportabile. Il suo medico di famiglia pensava che fosse ipertensione per i primi due anni dall'inizio della condizione. Solo 5 anni dopo, gli è stato correttamente diagnosticato il diabete di tipo 2. Questo è stato scioccante per la famiglia perché non ci aspettavamo affatto questa notizia. Da giovane donna che osservava le condizioni di mio padre, mi ha fatto capire i pericoli dello stress. Gli è stata diagnosticata quando avevo 18 anni ea 20 anni avevo iniziato a fare yoga e meditazione, mangiare sano, fare esercizio e guardarmi dentro. Ora, quando ho i miei figli e ripenso a 20 anni fa, diventa tutto chiaro quanto abbia influenzato la mia vita. Sono sempre stato attratto dalla medicina orientale e dai trattamenti erboristici e ora capisco come il mio viaggio sia completo. Grazie papà, ci dai l'esempio!

Ron (CEO e fondatore) e suo padre, la vera storia dietro CuraLife

Sono sempre stato vicino a mio padre. Da quando ricordo che abbiamo avuto un legame speciale. Siamo grandi amici e onestamente lo amo più di quanto le parole possano spiegare. È questo tipo di "super papà", sai? Quando a papà è stato diagnosticato il T2D è stato spaventoso. Papà ha una storia familiare di freighting con la condizione e, sebbene sia stato uno shock, sapevamo di doverlo prendere molto sul serio. La famiglia era tutta raggomitolata. Motivare e sostenere papà (a volte sul punto di molestarlo;) per "essere migliore": mangiare meno di ciò che ama, fare sport regolarmente, chiedere ai migliori medici di aiutarlo e assicurarsi che il papà prenda le sue medicine come prescritto. Ma, dopo un anno di tentativi, tentativi davvero, stavamo fallendo. La sua dieta era noiosa, il suo livello di energia era basso e aveva problemi con la vista e la concentrazione. Ci siamo sentiti soli, costretti a un unico corso nella vita, con poche speranze di vincere. Papà mi ha sempre dato le spalle. Sempre. Sapevo che era il mio momento per avere il suo. Ho fondato CuraLife, sapendo cosa sto cercando di risolvere, non sapendo come. Ho avuto la fortuna di essere raggiunto da un incredibile gruppo di persone: sognatori, creatori, innovatori. Persone con talento, deviazione e determinazione per offrire un "lieto fine" ai diabetici nel loro viaggio verso la salute e la felicità. Per offrire speranza. Papà ed io siamo soci di CuraLife oggi. I suoi livelli di glucosio sono rimasti bilanciati per oltre 4 anni. Gli piace uno stile di vita sano e (molto) attivo con la mamma e persino quel trattamento cattivo ogni tanto, senza il senso di colpa;). CuraLin e la community online "Vincere insieme il diabete di tipo 2"hanno significato così tanto per la nostra famiglia, e niente mi rende più orgoglioso di sapere che attraverso il nostro viaggio personale siamo stati fortunati ad aiutare già decine di migliaia di persone. Continua ad ispirarci!

Lital (team finanziario), suo padre e il loro amore per il cibo

Sono sempre stata una papà, mi è sempre stato detto che assomigliavo a lui e ho sempre sperato di avere il suo cervello. L'ho sempre ammirato: ho persino studiato all'università gli stessi diplomi che ha fatto lui, e speravo di crescere per avere successo come lui. È un modello professionale e un brillante consulente. Ammiro anche la sua volontà di vivere la vita - pienamente e con tanto amore per coloro che gli sono vicini - famiglia e amici.

Quando è stato diagnosticato a mio padre, all'inizio è stato molto spaventoso, ma una volta capito e concentrato, tutti noi (4 bambini) siamo andati a fare esami del sangue per vedere se siamo anche diabetici. Da quel test, ho scoperto di avere il colesterolo alto in quel momento, una cosa che ha spinto tutta la nostra famiglia a mangiare più sano. All'inizio abbiamo ridotto la quantità di cibo che consumiamo e successivamente abbiamo iniziato a cambiare la nostra dieta e ad iniziare a fare esercizio. Da persone che hanno mangiato tutto ciò che volevamo, in qualsiasi momento della giornata, dovevamo diventare più calcolati per sentirci meglio. Mio padre era sempre un mangiatore :) non puoi definirlo magro e ha sempre apprezzato il cibo come uno dei regali che il mondo ci ha fatto. È una lotta per la continuità, ma è anche un nuovo modo di vivere. Sta prendendo Curalin la sua salute è meravigliosa. Era scettico prima di iniziare, ma ora è un credente e consiglia CuraLin a tutti i diabetici che conosce.

Il CuraLife
Newsletter

Ottieni uno sconto del 5% sul tuo prossimo ordine quando ti registri oggi per gli ultimi consigli, ricerche e offerte esclusive

Grazie per l'adesione!

Sono d'accordo con CuraLife Condizioni d'uso e politica sulla riservatezza e desideri ricevere la newsletter